Gli indagati, secondo quanto emerso dagli accertamenti, hanno intascato illecitamente il sussidio per due anni

Circa 700mila euro sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza di Napoli nell’ambito di una serie di controlli finalizzati a fare luce sulla percezione indebita del reddito di cittadinanza da parte di persone condannate per camorra. Le fiamme gialle, coordinate dalla Procura di Napoli, hanno eseguito 60 perquisizioni nei confronti di altrettante famiglie aventi tra i componenti persone condannate per reati di tipo mafioso.

Leggi qui tutto l’articolo completo